Ti senti un vuoto non sai come colmarlo.

Quella sensazione come se ti mancasse qualcosa, il buco nell’anima.

Vabè, intanto fa parte della vita e di questo mondo pieno di tutto e di più.

Chissà come mai nel 1950 il mondo era popolato da 2 miliardi e mezzo di persone e si andava lenti e tranquilli, 
mentre oggi siamo più di 7 miliardi e andiamo velocissimi, consumiamo tanto e non ci fermiamo mai.

Siamo stressati, agitati, ansiosi, come se volessimo andare più veloci della luce.. 
e molti (quasi tutti) ammazzano il tempo con il dito indice che scorre il display del telefonino 
guardando in modo inconsciamente nervoso, cosa succede nel mondo, soffermandosi principalmente sulle cazzate. 

Cerchiamo negli altri la soluzione ai nostri problemi o cerchiamo negli altri il sollievo o l’elisir che ci riempie quel vuoto nell’anima.
Spesso lo cerchiamo nelle strade sbagliate, nelle cose sbagliate e magari anche nelle persone sbagliate.
Molti dicono di cercare la soluzione dentro loro stessi o in Dio, 
ma poi cercano dovunque tranne che dentro loro stessi, 
e lo dimostrano comportandosi all’opposto di come predicano. 
Non se ne rendono conto. È una forma di tossicità mentale che bene o male abbiamo tutti. 

Una cosa è certa, in un modo o nell’altro siamo tutti egoisti. Anche chi è altruista.
Si perchè anche l’altruista fa le cose perchè quelle cose fanno stare bene prima la sua persona.

Quindi perchè abbiamo il vuoto? Quali sono i 3 principali attori del nostro vuoto? 

 
INSICUREZZA, PAURA, INCONSAPEVOLEZZA

 

l’INSICUREZZA..

Aumenta perchè il mondo sta trasformando gli esseri umani in macchine depresse che comunicano solo in modo agitato e quindi con scarsa lucidità. 
Rende insicuri anche il fatto che le persone in generale non tendono ad ascoltare 
ma attendono solo il momento per parlare e dire la loro. (cit. non mi ricordo). 

Ciò che ci rende ancor più insicuri è che la nostra vita va avanti talmente veloce, 
che non riusciamo a viverci e goderci quasi niente.
 
Vogliamo ciò che non possiamo avere senza rispettare nessuna regola (soprattutto morale) 
e questo ci rende ancora più insicuri, capricciosi, acidi e avvelenati, 
perchè le cose non sempre vanno come pensavamo o come volevamo. 

LA PAURA? 

Bè, dopo che l’insicurezza getta le fondamenta nella nostra anima,
è chiaro che aumenta la paura di fare o dire cose o prendere iniziative
o paura di essere scambiati per pazzi quando si fa o si dice qualcosa fuori dalle linee di confine culturale. 

Ecco perchè molti assumono droga, perchè la droga disinibisce e fa passare la paura. 

Il problema, finito l’effetto della droga però rimane anzi, aumenta, e quindi si sente il bisogno di assumerne ancora. 
Ecco che assieme al vuoto aumenta anche la freddezza nell’anima e si indebolisce il corpo oltre che la mente.

Per droga intendo tutto: Alcol, droghe varie ma anche cibo, sigarette, internet, che, se ne abusiamo, sono altri tipi di droghe. 
Il cibo mangiato veloce e in modo nervoso per esempio è una droga letale specie per l’apparato nervoso e digerente (cit. non mi ricordo)
La sigaretta è una droga che da l’illusione di rilassare ma fa l’esatto contrario. 
(sono ex fumatore accanito ed ero convinto che fumare fosse un piacere) 

Internet ti fa comunicare con le dita e ti fa sfogare al riparo dal vero contatto con le persone. 
Ti fa comunicare con le video-chat a sfondo anche sessuale o intimo.

Si consuma una cosa che un tempo era molto più bella: 
il corteggiamento, poi l’incontro, le parole non dette ma poi dette con il coraggio del tempo.. 
l’imbarazzo.. e tutte quelle belle cose che piano piano sono state quasi del tutto annullate.

Oggi siamo finti timidi, finti imbarazzati o finti che non sanno..ma in realtà tutti sanno tutto di “quelle cose lì” 
e chi non sa, può sapere senza scomodare il cuore, l’istinto, il coraggio e il culo dalla sedia. 
Basta una parola chiave su google e invio.

L’INCONSAPEVOLEZZA?

Certo.. scusate eh…

Siamo consapevoli che siamo già alla deriva dell’anima? 
Che i nostri occhi intravedono il bene ma senza rendersene conto scelgono il male?
Siamo consapevoli che più il progresso va avanti e più si torna indietro? Che siamo sempre più superficiali?

Che anche quando un barlume di meraviglia o un bel momento entra nella nostra vita, 
non lo accogliamo in modo sereno e consapevole ma sempre in modo egoistico 
e quindi non ce lo godiamo come vorremmo perchè vorremmo non finisse mai e quindi andiamo in paranoia come ebeti?

Basterebbe godersi tutto, per il tempo che quel "tutto" ti può dare.  
Tanto tutto in un modo o nell’altro, male o bene, prima o poi finisce e passa.  

Soluzione per il buco nell’anima quindi? 

Fare quello che sentiamo di fare, viverlo al meglio, senza aspettarci niente indietro. 
Perchè al di fuori di NOI stessi, niente e nessuno ci appartiene.
 
Questo potrebbe essere un buon inizio per colmare quel vuoto. 

Me

--------------------------------------------------------------------

 Nel disco NuovoContrordineMondiale ci sono anche 2 brani che trattano il tema di questo blog: 
"Essere non Essere” e “Voglio respirare”. Ordinalo a 1 copia 15€ - 2 copie 20€. 

 p.s. se dici che ho scritto questo blog solo per farmi pubblicità al disco sei un idiota, ma se sei arrivato/a fin qui, grazie.                 

 

LE RAGAZZE DI OGGI, TRA SESSO E AMORE DISTORTO

Mercoledì, 25 Gennaio 2017 16:34

" Le ragazze di oggi, quelle giovanissime in generale, sono sessualmente molto attive e curiose 
ma con una visione del sesso e dell’amore un po’ nuova..distorta.

Lo fanno facile, sia sotto effetto di droga che non. 

Hanno la malizia negli occhi e anche se all’apparenza risultano timide e vergognose,
non appena ci vai, sanno bene dove mettere le mani e come usarle. 

Ma non come una volta, quando sentivamo i “grandi bulli” che parlando di alcune giovani ragazze dicevano: 

“Mamma mia..con quella..se ci vai ti insegna tutto anche se ha 15/16 anni”…

(infatti le ragazze di un tempo..si facevano più fare le cose che farle loro)

È qui la differenza tra le ragazze di ieri e quelle di oggi.

Quelle di oggi (in generale) sono molto influenzate da internet, un mondo virtuale aperto a tutti,
dove possiamo scoprire tutto di tutto di tutto di tutto di tutto di tutto... in un secondo, con un clic!

E conoscono molto bene i dettagli, hanno molta iniziativa, ti spiazzano, come se fossero loro i veri uomini.
Prediligono i muscoli e i palestrati, anzi sembra quasi che siano più loro
a guardare e apprezzare il sedere di uomo che il contrario.

Anche se sono molto calde, curiose e vogliose di godere e di amare, 
sono dall’altra parte, senza accorgersene, aride nell’anima, è il nuovo mondo. 

 Siamo nell'era del “neo-amore-materiale”. 

Le ragazze di oggi crescono con sempre meno amore...e.. 
se anche le donne hanno perso di vista il vero concetto di amore,
il mondo ha perso non solo la dignità ma anche la costruzione e il valore.

Più aumentano i mezzi di comunicazione e più sparisce il valore della comunicazione.

E tu, giovane ragazza, ti senti più ragazza di ieri o di oggi?
Oppure pensi “ieri” ma sei “oggi”? Non dire bugie eh!

p.s. poi...che nessuno sia santo, ok, ci mancherebbe, parlo proprio io.. "

Firmato: Un amico del bar
 


Ordina il Cd NuovoContrordineMondiale a (spedizione vi posta)
1 copia 15€ - 2 copie 20 € + due spille con la scritta: "Sorridi tanto è uguale".

E mentre negli anni 80-90, anni in cui ero un ragazzo giovanissimo, (14/15 anni)
i miei amici "musicanti" si trovavano nelle salette con i loro strumenti a suonare i 
Guns n' Roses, i Metallica, i Megadeth, gli Iron Maiden, gli Scorpions, Vasco etc..
e seguivano la moda "rocckettara" anche vestendosi allo stesso modo, 
e mi evitavano deridendomi, perchè io volevo solo suonare le mie canzoni in italiano con 4 accordi..

Sì..dicevo..

Mentre negli anni 80-90 i miei amici "musicanti" più o meno della mia età, 
si trovavano nelle salette a suonare tutto ciò che andava di moda..
e quando si chiacchierava di musica, mi prendevano in giro definendomi 
un imbecille italiano-pop-scrauso-trash (trash=spazzatura)
e si organizzavano di nascosto oppure negli orari delle sale gratuite dei centri culturali musicali, 
si trovavano prima e non mi facevano neanche ascoltare.. 

Io come loro, lavoravo per creare. 

Creare però qualcosa di nuovo, sempre a costo zero. La differenza stava nel pensare in modo inedito.

Non ero più bravo o meno bravo di loro, ero solo uno che pensava in modo inedito, senza rendermene conto.
Ci soffrivo tanto quando mi prendevano in giro. Piangevo, mi sentivo un cretino. 
Ci riuscivano bene a farmi sentire uno stupido. 

Sì.. dicevo..

Mentre i miei amici "musicanti" si trovavano nelle salette a suonare tutto ciò che andava di moda..
Io pensavo e lavoravo per creare delle canzoni e uno stile tutto mio. Derivante dal mio carattere e dal mio modo di pensare.
Molti di loro adesso sono mangiati dalla vita, dall'alcol, soprattutto dalle fidanzate-mogli rompicoglioni, dal lavoro e dall'invidia.

E ritengono la musica una cosa da ragazzetti imbecilli.

Pensare in modo inedito spaventa il prossimo ma può ispirare e stimolare cambiamenti nei gruppi e nelle società.
Non mi è mai piaciuto seguire il gregge, tutto qui.

In fondo si tratta solo di mode e momenti dai..

poi passano..passano subito..anche io passo..tutti passano prima o poi.

Una pecora nera, saggiamente smarrita: Me

 

Ordina il doppio Cd NuovoContrordineMondiale, scrivendo a
È un disco autoprodotto e libero da ogni schema. I temi sono molto particolari.
Spedizione via posta in 1 giorno, direttamente a casa (e se vuoi, anche con dedica) 

 

 

Il 23 aprile farò un concerto di 3 ore.
Canterò tutte le 19 canzoni del Cd NuovoContrordineMondiale
ed anche le canzoni degli album precedenti.
(Info e prenotazioni in fondo)- Sarà l’unico evento in cui presenterò il disco con la band.

Lo potrai acquistare per la prima volta quella sera al prezzo di 15 euro. E’ un doppio Cd.
Se mi hai seguito in questi ultimi tempi saprai che questo progetto è autoprodotto, autodistribuito e autopromosso,
totalmente libero da multinazionali, grandi distribuzioni e portali digitali.

Lo potrai avere solo al concerto o nei giorni dopo il concerto, via posta,
sempre al prezzo di 15 euro più spese di spedizione, mandando una mail a .
Se hai già mandato la mail di prenotazione del disco ma hai intenzione di venire ad ANAGNI il 23 aprile,
quando in futuro verrai contattata/o per confermare l’acquisto del Cd,ti basterà rispondere “disdico prenotazione”.

I M P O R T A N T I S S I M O:

La tiratura delle copie di NuovoContrordineMondiale è limitata a 2500 dischi.
Una volta finiti non li ristamperò fino a quando non riceverò
un minimo di 100 copie di prenotazione.

PERCHÈ FACCIO IL CONCERTO EVENTO AD ANAGNI?

Lo faccio ad Anagni in provincia di Frosinone per dei motivi non a caso.
Avrei potuto farlo a Roma, Milano, Torino, Napoli, Palermo, Venezia o in qualunque altro posto,
in una bella location o in un bel posto centrale adibito a concerti ma:

Ti avrei creato problemi di parcheggio, di spostamento, di costi in più, di mangiare,
di non sapere dove andare a dormire dopo il concerto e altri fastidi.

PERCHÈ QUINDI AD ANAGNI?

- Anagni è a centro Italia, un buon compromesso per tutti.
- Ci sono treni da Roma ogni ora, è raggiungibile da tutta Italia.
- Il posto in cui farò il concerto è nel piazzale di un albergo (HOTEL LE ROSE)
- Puoi prenotare la cena, il pernottamento o solo il concerto alle 22 (chiama per info)
- L’albergo si trova a 500 metri dal casello autostradale Anagni-Fiuggi e a 3 km dalla stazione ferroviaria.
- Dalla stazione ci sono addirittura le navette comunali che ti portano direttamente all’albergo.
- C’è il parcheggio.
- Se non trovi posto all’Hotel Le Rose, ci sono altri hotel vicini, a prezzi sempre accessibili.
- Il concerto sarà all’aperto, non ci sono problemi di orario, possiamo andare avanti quanto vogliamo.
- In caso di prevista pioggia, monteremo tutto sotto il grande tendone dell’hotel.

A questo punto, se hai deciso di venire, non ti resta che prenotare, seguire la mia pagina facebook
e leggere tutte le informazioni che nei giorni successivi darò riguardo al concerto,
alle canzoni del disco nuovo, testi, anteprime.

LA VERA PARTECIPAZIONE È IN PIAZZA NON SU INTERNET
 
In tutti i casi internet dovrebbe servire solo per sapere dove e come trovarsi.
Nel mio caso, io ci metto la musica, le canzoni, i contenuti e tanto impegno.
Tu ci metti la partecipazione e il sostegno dei temi che affronterò.

Sarà una grande festa rock, con impegno, sociale, ma anche movimento e leggerezza.
Un ritorno agli anni in cui davvero si partecipava ai concerti
per le tematiche e non solo per sfondarsi di alcol e droga.

Chi me lo fa fare di toccare dei temi che non sono “Popolari” per le masse?

Perchè so che ci sono persone come te  che non si accontentano di sentire e vedere video e musiche
con solo cuori e amori costruiti a tavolino.

Il mondo muore lentamente
nella corrente dei pesci anestetizzati dietro ad un computer con una connessione,
che si bevono solo ciò che c’è in abbondanza.

Sto parlando con te che mi hai condiviso, commentato e apprezzato per tutto ciò che ho fatto e che faccio.
Ancora una volta quindi: LA VERA PARTECIPAZIONE È REALE, NON VIRTUALE SU INTERNET.
Grazie del tuo cuore!

Per prenotare: Hotel Le Rose, 0775-767534
(Cena + concerto 30 euro - Solo concerto 15 euro inclusa consumazione
per il pernottamento, dire: “Convenzione concerto Povia” e ci sarà un prezzo più basso.

Libertà è: Partecipazione” Diceva Giorgio Gaber

Me

Dentro l'anima di ognuno c'è un terremoto di vanità, di presunzione e saccenza.
Basta guardare alcune semplici definizioni di umiltà

Umile: colui che non si ritiene nè migliore nè più importante di altri.

Chi di noi è davvero così? Pensiamoci bene, non mentiamo a noi stessi.

UmiltàVirtù per la quale l'uomo riconosce i propri limiti, 
rifuggendo da ogni forma d'orgoglio, di superbia, di emulazione o sopraffazione.

Ma quale essere umano è davvero così? E poi non basta riconoscere i limiti,
bisogna anche accettarli sennò non si migliora mai davvero.
O forse qualcuno confonde AMORE con umiltà.

UmiltàSentimento o atteggiamento di riverente sottomissione.

(“Riverente sottomissione”..ma per favore.. “Riverente sottomissione”..????)

Esempio: “Prega Dio con umiltà se vuoi essere esaudito”

Ma chi di noi è davvero così?  

Cioè, preghi Dio o perchè ci credi o perchè ne hai bisogno tu o perchè fa stare bene prima te.
In ogni caso speri sempre che indietro ti arrivi qualcosa perchè in fondo siamo tutti egoisti ed esigenti.
O spiritualmente egoisti o….”umilmente egoisti” (umilmente vicino a egoisti rende meglio il concetto di umiltà) 

Oppure preghi Dio perchè vuoi essere perdonato di un peccato, 
oppure speri in un miracolo o vorresti avere avuto di più dalla vita, o vuoi rimediare ad errori TUOI.

Oppure preghi per gli altri..ma sempre perchè prima di tutto fa stare bene te o la tua coscienza. 
E mica si chiama umiltà, io la chiamo FEDE. 

Con umiltà devi ricominciare a lavorare con fatica per ottenere risultati!

Ma non è umiltà, è voglia di rialzarsi, di ricostruire, di avere o di riavere. 
È paura o speranza oppure il fatto che non siamo contenti di qualcosa della nostra vita e quindi è vuoto che sentiamo dentro. 

Non può chiamarsi umiltà.

L'umiltà fino ad ora non mi sembra che esista, 
e non la confonderei con l'AMOR PROPRIO o con L'EGOISMO 
o con il SAPER CONVIVERE INSIEME AGLI ALTRI 
o con il RISPETTARE REGOLE CHE SPESSO NON SI VORREBBERO RISPETTARE. 
o con il FARE COSE CHE A VOLTE O SPESSO O SEMPRE, NON ABBIAMO NEANCHE VOGLIA DI FARE.

Le cose e le azioni anche a favore degli altri o per il bene degli altri,
si fanno o perchè siamo costretti o perchè fanno stare bene prima noi 
o perchè speriamo di avere qualcosa indietro. Già detto vero?

E non sto parlando di amore, sennò avrei parlato di amore.

L'Umiltà non può esistere, se fossi ancorato a questo termine o concetto, 
non sarei di certo umile anzi mi sembrerebbe di fuggire da ogni apertura mentale.

Penso proprio che l'umiltà non sia di questo mondo, i fatti storici e odierni parlano sempre chiaro.

Il termine “umiltà”  mi arriva come un'invenzione per far camminare le persone a testa bassa, 
che non vuol dire “con la testa piegata” come lo può interpretare
chi non ha veramente una fede ma crede di averla o chi non ha un’apertura mentale ma crede di averla.

Il termine umiltà mi arriva come una menzogna per far camminare le persone a testa bassa, 
senza vanità, senza presunzione, senza capricciose pretese..
senza vivere in modo autentico, anzi sempre in modo costretto o condizionato da qualcosa. 

Credi di essere umile perchè vai per esempio nei paesi sottosviluppati 
ad aiutare i poveri di fame e di guerra? È sempre una scelta che fa stare bene te.
Dici che questa scelta ti è stata dettata da Dio? Non è comunque umiltà, è fede e fa stare bene sempre prima te. 

“Umiltà” mi arriva più come un termine o un concetto inventato dal POTERE
per educare i popoli ad abbassare la testa come pecorelle.

L’umiltà per me non esiste ma esiste la finta umiltà, allora sono d’accordo.

Una canzone che scrissi nel 2007 (Uniti) recita queste parole:
“Siamo tutti forti e deboli e all’occorrenza finti umili”

Una canzone del nuovo disco (essere non essere) recita:
"Non essere umile che tanto qui nessuno poi lo è"

Quindi a testa bassa camminaci tu,
soprattutto tu che non hai una fede vera o che non hai veramente Dio,  
ma solo ciò che è hai letto su di lui.

Per me il termine giusto è consapevolezza non umiltà.

Me 

Ordina il disco "NuovoContrordineMondiale" 
scrivendo una mail a  

 

 

 

 

Guarda il video "Stare bene"
Guarda il video "Era meglio Berlusconi"
Guarda il video "Chi comanda il mondo?"
RadioPovia

Ultimi post

Newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutte le informazioni su Povia, concerti e altro.
Privacy e Termini di Utilizzo